Fatturazione elettronica alla Pubblica Amministrazione

Gestione documentale, conservazione sostitutiva e fatturazione elettronica

Il 6/6/2014 è entrato in vigore l'obbligo, per i fornitori delle PP.AA. centrali e dei loro uffici locali (Ministeri, Enti previdenziali, scuole, stazioni di Polizia e Carabinieri, Capitanerie di porto, ecc.) di emettere fatture esclusivamente in formato elettronico (che in termine tecnico vengono definite FatturaPA). Tali amministrazioni non potranno più accettare fatture in formato cartaceo, pena il blocco delle procedure di pagamento.
Il 31/3/2015 tale obbligo verrà esteso anche alla fatturazione verso le PP.AA. locali (Regioni, Comuni, ASL, ecc.).

Si tratta di una novità importante, che riguarda ben 2 milioni di imprese nel nostro Paese. Di queste, tuttavia, solo una piccola parte effettua fatturazioni regolari e di ampio importo, mentre la stragrande maggioranza effettua fatturazioni più sporadiche e di importi più contenuti. E' pienamente comprensibile, dunque, lo sconforto di molte imprese le quali, dovendo magari emettere una ventina di fatture all'anno alla P.A. per importi non elevatissimi, trovano le nuove incombenze cui devono sottostare esagerate rispetto al volume complessivo generato da queste forniture. Noi stessi abbiamo sentito frasi del tipo 'Basta, non forniremo più la P.A. ...'.

Lo sfogo, si diceva, è comprensibile. Tuttavia non si può non notare come l'obiettivo del legislatore sia ampiamente condivisibile e destinato a portare, nel medio periodo, ampi benefici a tutti, comprese quelle stesse imprese che in questa fase sono portate a vedere più i problemi che non i vantaggi.

La completa automazione del processo di trasferimento della fattura, che passa direttamente dal computer del fornitore a quello della P.A. senza dover essere stampato e, soprattutto, il fatto che tale fattura verrà automaticamente inserita nei sofware gestionali della P.A. senza necessità di interventi manuali, è destinata a diminuire i tempi di gestione della pratica fino al pagamento. La P.A. non potrà più addurre tempi elevati di inserimento della fattura nel sistema come parziale giustificazione dei tempi elevati della sua liquidazione, in quanto dal momento della spedizione la fattura sarà stata registrata nei sistemi della P.A. nel giro di pochi minuti.
Inoltre, tutto il meccanismo è volto all'ottenimento di un sensibile minor costo di gestione delle pratiche da parte delle PP.AA. e ad una maggiore e più rapida capacità di controllo della spesa pubblica da parte degli ordini preposti. Ciò dovrebbe portare ad una riduzione di tale spesa, con vantaggi alle imprese ed ai cittadini tutti.

L'insieme di questi due fattori, cioè l'importanza per il Paese della Fatturazione elettronica alla P.A. e lo spaesamento dei piccoli fornitori, unito ad un'offerta di soluzioni da parte del mercato incompleta e farraginosa, non sempre in grado a nostro avviso di affrontare in tranquillità la situazione, ci ha convinto della necessità di studiare un'offerta specifica per i piccoli fornitori.

Quest'offerta si compone di due parti:

  • Nella prima fase viene offerta, ad un costo estremamente contenuto (si parla di un paio d'ore di lavoro), una mini-consulenza esaustiva sulla materia nella sua globalità.
    Questa mini-consulenza è di fondamentale importanza, perchè l'imprenditore, nell'affrontare la problematica, si trova a fronteggiare molteplici soggetti, ciascuno dei quali magari vede solo una parte di essa, e nessuno la vede nella sua globalità: la software house che produce il gestionale, il commercialista, la Pubblica Amministrazione, i soggetti intermediari, realtà che offrono soluzioni.
    Con la nostra mini-consulenza l'imprenditore diventa padrone della situazione, nel senso che diviene perfettamente in grado di prendere le proprie decisioni in autonomia, senza dover dipendere da informazioni confuse e frammentarie da parte di terzi, a volte estremamente pericolose. A tal proposito si tenga presente che è di fondamentale importanza la conservazione a norma in formato elettronico delle fatture emesse, adempimento estremamente delicato e spesso non messo nel giusto risalto da alcune offerte, più focalizzate sulla semplice fase di emisione delle fatture.
  • Per quanto concerne la fase di regime l'offerta comprende la fornitura, tramite operatori specializzati accreditati presso le Autorità competenti, degli appositi servizi di gestione della Fatturazione elettronica alla P.A., con costi che, in linea generale, non superano i pochissimi Euro per fattura (i costi di gestione della fattura ci sono, è innegabile).

Sottolineiamo che, in generale, le due fasi della nostra offerta non sono inscindibili tra loro. In altri termini, chi richiede la nostra mini-consulenza non è poi tenuto ad usufruire dei nostri servizi di gestione. Ad esempio, ci potrebbe essere richiesta una consulenza da parte di un'azienda che dispone già di un proprio servizio, sul quale però nutre alcune perplessità. Nel caso riusciamo a dissipargliele (è chiaro, se la cosa funziona abbiamo l'obbligo professionale di comunicarlo al cliente, mica dobbiamo spostarlo per forza sui nostri servizi!), il cliente può tranquillamente proseguire come sta già facendo.